Discussione:
Server anti-p2p: alcune considerazioni.
(troppo vecchio per rispondere)
SatanFango
2005-10-01 19:34:58 UTC
Permalink
Da: http://www.emuleitalia.net/fora/index.php?showtopic=11411

"Attualmente non si sa ancora con precisione se l'attività delle
anti-p2p si ferma al mero monitoraggio oppure si sta costruendo un
vero e proprio elenco di scambisti che potranno essere future vittime
dei processi dell'industria dell'intrattenimento."

Dunque, premesso di non capirne niente di diritto, pongo
intuituvamente le seguenti questioni:

1) Operazioni come queste rappresentano una grave violazione della
legge sulla Privacy. Salvo tali "controlli" non siano effettuati
*direttamente* dalla Finanza o organi similari.

2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.

Vista l'estrema... elasticità diritto
internettistico, io credo convenga iniziare ad interrogarci su tali
quesioni...
--
"lascia perdere il clacson, ragazzo. eppoi, dal
suono, non direi che è un uomo. mi sa tanto che
è una donna. un uomo farebbe delle pause, delle
variazioni, ne caverebbe minacce musicali. una
donna ci pigia sopra e basta."
Alessandro Bottoni
2005-10-02 06:01:36 UTC
Permalink
Post by SatanFango
Da: http://www.emuleitalia.net/fora/index.php?showtopic=11411
"Attualmente non si sa ancora con precisione se l'attività delle
anti-p2p si ferma al mero monitoraggio oppure si sta costruendo un
vero e proprio elenco di scambisti che potranno essere future vittime
dei processi dell'industria dell'intrattenimento."
Negli stati uniti, tengono un database degli utenti noti già da anni. Qui da
noi non credo che siano già arrivati a tanto perchè l'interesse per questo
fenomeno è più recente. Le leggi comunque consentono questo tipo di
indagini (condotte dalla Polizia Postale e dalla Finanza) e di
"schedatura".
Post by SatanFango
1) Operazioni come queste rappresentano una grave violazione della
legge sulla Privacy. Salvo tali "controlli" non siano effettuati
*direttamente* dalla Finanza o organi similari.
Che infatti eseguono abitualmente questo tipo di controlli.
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Non è così. Come sicuramente saprai, la Polizia Postale ha già catturato
decine di pedofili (peggio per loro!) in questo modo. La tecnica delle
"honey pot" e dell'infiltrazione è largamente usata dalle nostre forze di
polizia, sia in rete che fuori, ed è legale. Serve solo l'autorizzazione di
un giudice (non difficilissima da ottenere).
Post by SatanFango
Vista l'estrema... elasticità diritto
internettistico, io credo convenga iniziare ad interrogarci su tali
quesioni...
Eh, si...
-----------------------------------
Alessandro Bottoni
SatanFango
2005-10-02 08:11:21 UTC
Permalink
On Sun, 02 Oct 2005 06:01:36 GMT, Alessandro Bottoni
Post by Alessandro Bottoni
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Non è così. Come sicuramente saprai, la Polizia Postale ha già catturato
decine di pedofili (peggio per loro!) in questo modo. La tecnica delle
"honey pot" e dell'infiltrazione è largamente usata dalle nostre forze di
polizia, sia in rete che fuori, ed è legale. Serve solo l'autorizzazione di
un giudice (non difficilissima da ottenere).
Io spero la questione non sia così netta e che ci siano dei *margini*
sui quali poter... giocare. Altrimenti addio 2p2.
--
"lascia perdere il clacson, ragazzo. eppoi, dal
suono, non direi che è un uomo. mi sa tanto che
è una donna. un uomo farebbe delle pause, delle
variazioni, ne caverebbe minacce musicali. una
donna ci pigia sopra e basta."
SatanFango
2005-10-02 08:14:24 UTC
Permalink
On Sun, 02 Oct 2005 10:11:21 +0200, SatanFango
Post by SatanFango
Altrimenti addio 2p2.
Ops: p2p ;-)
--
"lascia perdere il clacson, ragazzo. eppoi, dal
suono, non direi che è un uomo. mi sa tanto che
è una donna. un uomo farebbe delle pause, delle
variazioni, ne caverebbe minacce musicali. una
donna ci pigia sopra e basta."
Alessandro Bottoni
2005-10-02 08:54:28 UTC
Permalink
Post by SatanFango
Post by Alessandro Bottoni
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Non è così. Come sicuramente saprai, la Polizia Postale ha già catturato
decine di pedofili (peggio per loro!) in questo modo. La tecnica delle
"honey pot" e dell'infiltrazione è largamente usata dalle nostre forze di
polizia, sia in rete che fuori, ed è legale. Serve solo l'autorizzazione
di un giudice (non difficilissima da ottenere).
Io spero la questione non sia così netta e che ci siano dei *margini*
sui quali poter... giocare. Altrimenti addio 2p2.
In realtà, credo che il P2P godrà di ottima salute anche con il diffondersi
di queste tecniche di "intelligence", solo che non sarà più il P2P che
siamo abituati a conoscere (eMule, Kazaa e tutti gli altri sistemi di prima
e seconda generazione).

Le honey pot sono destinate a diventare inutili con l'avvento delle reti
anonime (ANTs, MUTE, etc.) perchè in queste reti il "server" (la honey pot)
comunque non arriva mai a conoscere l'IP address (l'identità) del client
che scarica i file. In queste reti, tra server e client viene interposta
una lunga serie di "intermediari" in cui ognuno conosce solo l'identità del
successivo. Per ricostruire tutto il percorso bisogna ottenere il controllo
di tutti i nodi (compresi quelli in cina, in australia, in russia, etc.).

Le tecniche di infiltrazione sono destinate a diventare inutilizzabili
perchè sulle reti di terza generazione (MUTE, ANTs e via dicendo) tutte le
transazioni (file sharing, IM, posta) possono essere portare a termine
restando del tutto anonimi. Si può apparire su una di queste reti come
"diavolo_al_pontelungo" e restarci per anni senza che qualcuno riesca a
capire a chi corrisponde quel nomignolo (a meno che non sia lui stesso a
rivelarlo).

CU

PS: Si, questa nuova generazione di P2P diventerà un vantaggio enorme
_anche_ per terroristi e pedofili. Questa è una delle molte conseguenze
negative di un proibizionismo su cui si è meditato troppo poco.
-----------------------------------
Alessandro Bottoni
Marc Serafino
2005-10-02 12:35:43 UTC
Permalink
Post by Alessandro Bottoni
PS: Si, questa nuova generazione di P2P diventerà un vantaggio enorme
_anche_ per terroristi e pedofili. Questa è una delle molte conseguenze
negative di un proibizionismo su cui si è meditato troppo poco.
Il proibizionismo e' frutto dell'abuso di una tecnologia nata con altri
fini. E in ogni caso non illuderti: i sistemi operativi di nuova gestione,
a incominciare da WinVista avranno una gestione totale del DRM, senza
contare che e'di questi giorni la notizia che il Parlamento e il Senato
degli Stati Uniti stanno per regolamentare strettamente la materia.
Alessandro Bottoni
2005-10-02 15:58:08 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
PS: Si, questa nuova generazione di P2P diventerà un vantaggio enorme
_anche_ per terroristi e pedofili. Questa è una delle molte conseguenze
negative di un proibizionismo su cui si è meditato troppo poco.
Il proibizionismo e' frutto dell'abuso di una tecnologia nata con altri
fini. E in ogni caso non illuderti: i sistemi operativi di nuova gestione,
a incominciare da WinVista avranno una gestione totale del DRM, senza
contare che e'di questi giorni la notizia che il Parlamento e il Senato
degli Stati Uniti stanno per regolamentare strettamente la materia.
Illusioni me ne faccio ben poche: uso _solo_ Linux (ed altri Unix) da
diversi anni. Comunque, credo che farò provvista di hardware corrente,
prima che si cominci a diffondere la roba contaminata da DRM. Se saranno in
molti a fare così, come penso, la prossima proiezione di crescita del
mercato (una cifra tanto cara agli analisti) sarà di questo tipo: -nn.

Se da un lato è vero che la copia abusiva è un reato (e non sto certo qui a
giustificarlo, nella sostanza), è anche vero che questa crociata
anti-file-sharing avrà anche l'effetto di produrre strumenti molto più
utili ai veri criminali che ai teen-agers. Tutto questo si poteva evitare.

Ciao


BTW: Qualcuno si è informato sulle intenzioni dei cinesi, dei nord-koreani e
dei russi riguardo al DRM? I cinesi dovrebbero uscire sul mercato nel 2006
con un chip RISC simile al Cell Processor di IBM. Se decideranno di
venderlo (magari sottobanco) senza DRM, rischiano di far saltare il banco.
Se fossi in loro, un pensierino ce lo farei.

-----------------------------------
Alessandro Bottoni
Hiryuu
2005-10-02 16:54:38 UTC
Permalink
Post by Alessandro Bottoni
BTW: Qualcuno si è informato sulle intenzioni dei cinesi, dei nord-koreani e
dei russi riguardo al DRM? I cinesi dovrebbero uscire sul mercato nel 2006
con un chip RISC simile al Cell Processor di IBM. Se decideranno di
venderlo (magari sottobanco) senza DRM, rischiano di far saltare il banco.
Se fossi in loro, un pensierino ce lo farei.
Esatto: il mercato si adegua _sempre_ alle esigenze dei clienti.
Arriveranno PC privi di orpelli del genere. Non pensare che AMD, intel
e microsoft non ci pensino: il mercato delle periferiche è già
saldamente in mani taiwanesi. Il passo da lì a produrre un PC intero è
breve (VIA fa già processori x86, ad esempio).
r3m
2005-10-02 18:06:56 UTC
Permalink
Post by Hiryuu
Post by Alessandro Bottoni
BTW: Qualcuno si è informato sulle intenzioni dei cinesi, dei nord-koreani e
dei russi riguardo al DRM? I cinesi dovrebbero uscire sul mercato nel 2006
con un chip RISC simile al Cell Processor di IBM. Se decideranno di
venderlo (magari sottobanco) senza DRM, rischiano di far saltare il banco.
Se fossi in loro, un pensierino ce lo farei.
Esatto: il mercato si adegua _sempre_ alle esigenze dei clienti.
Arriveranno PC privi di orpelli del genere. Non pensare che AMD, intel
e microsoft non ci pensino: il mercato delle periferiche è già
saldamente in mani taiwanesi. Il passo da lì a produrre un PC intero è
breve (VIA fa già processori x86, ad esempio).
Ma metti che qualcuno un bel giorno decida di consentire, con apposita
legge, *esclusivamente* la vendita di hardware compatibile con il drm e con
il tcpa... usando come ratio
della legge da un lato questioni come la tutela del diritto d'autore, del
mercato, del contratto implicito che viene sottoscritto quando si acquista
un bene (per esempio su questa base la lexmark cerca di dimostrare
che sarebbero teoricamente perseguibili quei cattivoni che si permettono di
rigenerare le loro cartucce)... e dall'altro la tutela del povero
consumatore che va protetto dagli hackers.. dallo spam... dai pedofili
dai comunisti... ecc ecc.

Sono cazzi amari a quel punto...
La questione del volere del mercato è una balla ormai...
Il mercato non ha più nessun volere espresso... semmai subisce i voleri
delle multinazionali.
Non esistono più bisogni, necessità, sogni che vanno soddisfatti (nuovi o
vecchi che siano non conta)... esistono i bisogni e le necessità che loro
decidono che tu devi avere... imposti più o meno artificiosamente.

Se fosse vero che è il mercato a comandare su tutto... oggi avremmo reti p2p
evolutissime gestite dalle stesse major che a fronte di un abbonamento
mensile congruo di qualche decina di dollari al mese
ti consentono di condividere quello che cazzo ti pare senza limitazione
alcuna... ridistrubendo il flusso di denaro attraverso una attenta
monitorizzazione delle rete che valuta che cosa e in che quantità viene
scambiato e di conseguenza a chi e in che quantità devono andare i soldi.
Hiryuu
2005-10-02 18:40:06 UTC
Permalink
Post by r3m
Ma metti che qualcuno un bel giorno decida di consentire, con apposita
legge, *esclusivamente* la vendita di hardware compatibile con il drm e con
il tcpa...
Non ci si riesce, il mercato è globale.
Post by r3m
Non esistono più bisogni, necessità, sogni che vanno soddisfatti (nuovi o
vecchi che siano non conta)... esistono i bisogni e le necessità che loro
decidono che tu devi avere... imposti più o meno artificiosamente.
Beh, dipende da quanto uno decide di essere libero.
Post by r3m
Se fosse vero che è il mercato a comandare su tutto... oggi avremmo reti p2p
evolutissime gestite dalle stesse major che a fronte di un abbonamento
mensile congruo di qualche decina di dollari al mese
ti consentono di condividere quello che cazzo ti pare senza limitazione
alcuna... ridistrubendo il flusso di denaro attraverso una attenta
monitorizzazione delle rete che valuta che cosa e in che quantità viene
scambiato e di conseguenza a chi e in che quantità devono andare i soldi.
Io penso che arriveremo a un concetto simile: nei pacchetti di
connettività internet saranno compresi contenuti multimedia, magari
con pubblicità, accessibili liberamente e quando ti pare,
probabilmente su wireless. Sei a casa, vuoi vederti, che ne so,
matrix, ti colleghi al server che te lo streama giù. Devi fare un
viaggio in auto, selezioni un centinaio di canzoni, te le scarichi
sull'autoradio via wifi e te le suoni. La scelta del provider,
probabilmente, si baserà anche sull'offerta multimediale. A questo
punto puoi tranquillamente dimenticarti del DRM, dell'archiviazione
personale ecc ecc.
Chiaramente questo implica l'accettazione di minori compensi per gli
artisti. Eh beh, avranno qualche miliardo, qualche jet e qualche
fuoriserie in meno: ci si può convivere.
Marc Serafino
2005-10-02 20:21:19 UTC
Permalink
Post by Hiryuu
Io penso che arriveremo a un concetto simile: nei pacchetti di
connettività internet saranno compresi contenuti multimedia, magari
con pubblicità, accessibili liberamente e quando ti pare,
probabilmente su wireless. Sei a casa, vuoi vederti, che ne so,
matrix, ti colleghi al server che te lo streama giù. Devi fare un
viaggio in auto, selezioni un centinaio di canzoni, te le scarichi
sull'autoradio via wifi e te le suoni. La scelta del provider,
probabilmente, si baserà anche sull'offerta multimediale. A questo
punto puoi tranquillamente dimenticarti del DRM, dell'archiviazione
personale ecc ecc.
Chiaramente questo implica l'accettazione di minori compensi per gli
artisti. Eh beh, avranno qualche miliardo, qualche jet e qualche
fuoriserie in meno: ci si può convivere.
Che fessacchiotto: tra l'altro saranno cavoli anche per i navigatori di
basso livello come te, diciamo quelli dell'industria dell'hard, ovviamente
a gratis (basta notare quello che dichiari e la competenza con cui fai
riferimento ad alcune delle piu' turpi risorse disponibili in internet per
poter sostenere quale sia la tua internet): dovrete finalmente pagarvi pure
quella.
Hiryuu
2005-10-02 22:00:32 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Che fessacchiotto: tra l'altro saranno cavoli anche per i navigatori di
basso livello come te, diciamo quelli dell'industria dell'hard, ovviamente
a gratis (basta notare quello che dichiari e la competenza con cui fai
riferimento ad alcune delle piu' turpi risorse disponibili in internet per
poter sostenere quale sia la tua internet): dovrete finalmente pagarvi pure
quella.
Se c'è una cosa di cui non mi frega assolutamente niente è l'hard, lo
trovo noiosissimo.
Peraltro ecco, non vorrei ricominciare il discorso sulla proprietà
-ehm- "intellettuale" del porno.
Se invece vogliamo dire che è giusto che abbiano un po' remunerazione
perchè si fanno un gran culo oh, beh, posso anche essere d'accordo.

Peraltro quasi ci siamo. Fastweb offre sky, c'è rossoalice... manca
poco.
Marc Serafino
2005-10-02 20:16:30 UTC
Permalink
Post by Alessandro Bottoni
Illusioni me ne faccio ben poche: uso _solo_ Linux (ed altri Unix) da
diversi anni. Comunque, credo che farò provvista di hardware corrente,
prima che si cominci a diffondere la roba contaminata da DRM. Se saranno in
molti a fare così, come penso, la prossima proiezione di crescita del
mercato (una cifra tanto cara agli analisti) sarà di questo tipo: -nn.
Scordatelo: i ladroni sono spesso ignoranti come scarpe, quindi compreranno
l'ultimo ritrovato come le capre che sono, per poi scoprire che impedira'
di fare loro cio' che vorrebbero fare, ossia rubare.

Inoltre non dare troppa importanza numerica alla gente del p2p: in realta'
contano nulla sul mercato, specie quello dell'hardware.

Quindi, morto/limitato il p2p l'industria continuera' meglio di prima.

Tieni poi contoche WinVista lo compreranno in tantissimi e molti dovranno
aggiornare l'hardware per farlo girare.

Io vedo solo benefici dal DRM.
Post by Alessandro Bottoni
Se da un lato è vero che la copia abusiva è un reato (e non sto certo qui a
giustificarlo, nella sostanza)
Ci mancherebbe pure!!! Non hai detto che sei "giornalista"?
Post by Alessandro Bottoni
, è anche vero che questa crociata
anti-file-sharing avrà anche l'effetto di produrre strumenti molto più
utili ai veri criminali che ai teen-agers. Tutto questo si poteva evitare.
Sara' un vantaggio anche per combattere altri tipi di delinquenza: tu
questi strumenti crittati te li sogni, Ants e' meno che zero e persino
Freenet o come cavolo si chiama non lo usa nessuno.
Post by Alessandro Bottoni
BTW: Qualcuno si è informato sulle intenzioni dei cinesi, dei nord-koreani e
dei russi riguardo al DRM? I cinesi dovrebbero uscire sul mercato nel 2006
con un chip RISC simile al Cell Processor di IBM. Se decideranno di
venderlo (magari sottobanco) senza DRM, rischiano di far saltare il banco.
Se fossi in loro, un pensierino ce lo farei.
Vedo che sei inguaribilmente ottimista, e un po' troppo dalla parte dei
ladroni per uno che si definisce "giornalista". I cinesi se ne fottono dei
chippetti, preferiscono le Nike e le altre marche: rendono molto di piu'.
r3m
2005-10-03 07:42:08 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
Illusioni me ne faccio ben poche: uso _solo_ Linux (ed altri Unix) da
diversi anni. Comunque, credo che farò provvista di hardware corrente,
prima che si cominci a diffondere la roba contaminata da DRM. Se saranno in
molti a fare così, come penso, la prossima proiezione di crescita del
mercato (una cifra tanto cara agli analisti) sarà di questo tipo: -nn.
Scordatelo: i ladroni sono spesso ignoranti come scarpe, quindi compreranno
l'ultimo ritrovato come le capre che sono, per poi scoprire che impedira'
di fare loro cio' che vorrebbero fare, ossia rubare.
hai proprio ragione... infatti roba come emule si è generata da sola
spontaneamente.

Il seca2 si è bucato da solo... e le protezioni anticopia pure.


ahh questi trolletti come sono simpatici.
Post by Marc Serafino
Quindi, morto/limitato il p2p l'industria continuera' meglio di prima.
Tieni poi contoche WinVista lo compreranno in tantissimi e molti dovranno
aggiornare l'hardware per farlo girare.
come win xp??
wow quante copie di win xp originali che ci sono in giro... guarda.

Non sai quanti non vedono l'ora di cambiare tutto il pc per fare le stesse
identiche cosa che facevano prima...
Post by Marc Serafino
Vedo che sei inguaribilmente ottimista, e un po' troppo dalla parte dei
ladroni per uno che si definisce "giornalista". I cinesi se ne fottono dei
chippetti, preferiscono le Nike e le altre marche: rendono molto di piu'.
ahahhaha tu si che la sai lunga... miseriaccia.
Alessandro Bottoni
2005-10-03 10:02:33 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Io vedo solo benefici dal DRM.
Vedo anch'io dei possibili benefici, ovviamente. Il problema è che non vedo
molte altre cose:
- non vedo come sia possibile imporre il DRM a tutti
- non vedo come sia possibile conciliare il DRM con la libertà
dell'individuo
- non vedo una accettazione passiva o convinta del DRM da parte dei suoi
utilizzatori
Insomma, vedo molti più pericoli che vantaggi.
Post by Marc Serafino
Sara' un vantaggio anche per combattere altri tipi di delinquenza: tu
questi strumenti crittati te li sogni, Ants e' meno che zero e persino
Freenet o come cavolo si chiama non lo usa nessuno.
Per quale motivo credi che stia qui a parlarne da qualche giorno?

Comunque sono abituato ai "fenomeni di trascurabile importanza". Lavoro in
questo settore da quando i PC non esistevano e l'intera informatica era un
fenomeno di trascurabile importanza. Ho cominciato ad usare Windows quando
tutti dicevano che, rispetto al DOS, era un fenomeno di trascurabile
importanza e senza futuro (per via delle prestazioni). Uso Linux da quando
lo si installava dai floppy e tutti lo ritenevano un fenomeno di
trascurabile importanza. Di solito, a questi "fenomeni di trascurabile
importanza" fa bene che io me ne interessi.
Post by Marc Serafino
Vedo che sei inguaribilmente ottimista, e un po' troppo dalla parte dei
ladroni per uno che si definisce "giornalista". I cinesi se ne fottono dei
chippetti, preferiscono le Nike e le altre marche: rendono molto di piu'.
Da quello che i cinesi stessi dicono, sembrerebbe che le cose stiano in modo
ben diverso. Stanno piantando un casino, proprio a IBM, per difendere i
loro diritti a produrre e commercializzare il loro chip. Evidentemente i 14
miliardi di euro di market share prevista per i chip di prossima
generazione fanno gola anche a loro. Immagino che noi (europei ed
americani) avremo gioco facile a difenderci dalla loro invasione, come
abbiamo avuto gioco facile con il tessile in questi ultimi anni.

Sono molto dalla parte dei "ladroni" perchè penso che siano cittadini che
vengono arbitrariamente privati di alcuni diritti che ritengo importanti.
Come continuo a dire da tempo, rubare è un reato, e non mi sogno certo di
darmi all'apologia di reato nel tempo libero, ma della legittimità ed
opportunità delle leggi si può (e si deve) discutere.

Per quanto riguarda il "giornalista" devi aver perso uno dei messaggi
iniziali: sono un piccolo imprenditore (faccio software) ed un consulente.
Scrivo per le riviste quando c'è qualcosa da raccontare e che la gente ama
leggere, come in questo caso.

Ciao
-----------------------------------
Alessandro Bottoni
Marc Serafino
2005-10-03 12:18:39 UTC
Permalink
Post by Alessandro Bottoni
Post by Marc Serafino
Io vedo solo benefici dal DRM.
Vedo anch'io dei possibili benefici, ovviamente. Il problema è che non vedo
- non vedo come sia possibile imporre il DRM a tutti
Nessuno vuole imporre nulla a nessun'altro. E' come per i prodotti protetti
dal copyright: se non li vuoi pagare, non sei mica obbligato a comprarli.
Post by Alessandro Bottoni
- non vedo come sia possibile conciliare il DRM con la libertà
dell'individuo
Io non vedo invece alcun tipo di correlazione.
Post by Alessandro Bottoni
- non vedo una accettazione passiva o convinta del DRM da parte dei suoi
utilizzatori
Non sono obbligati ad accettarlo infatti.
Post by Alessandro Bottoni
Insomma, vedo molti più pericoli che vantaggi.
Non vedo pericoli da una tecnologia che si limita semplicemente, tra le
altre cose, a tutelare le opere protette da un utilizzo fraudolento.

Vedo, come dicevo all'inizio, solo vantaggi e chiarezza.
Post by Alessandro Bottoni
Post by Marc Serafino
Sara' un vantaggio anche per combattere altri tipi di delinquenza: tu
questi strumenti crittati te li sogni, Ants e' meno che zero e persino
Freenet o come cavolo si chiama non lo usa nessuno.
Per quale motivo credi che stia qui a parlarne da qualche giorno?
Ah non lo so. Vuoi spostare l'utenza sui quei programmi? :-)

Specie ants e' un pezzo di software a cui ho dato un'occhiata,
semplicemente penoso e con due o tre utenti in tutto. Freenet e' un
discorso differente: si trova anche controcultura, quindi documenti e
svariate altre cose interessanti, ma pure questo e' totalmente sconosciuto
alle masse.

Le masse dei ladroni sanno usare a malapena winmx, questo e' il livello
"culturale".
Post by Alessandro Bottoni
Comunque sono abituato ai "fenomeni di trascurabile importanza". Lavoro in
questo settore da quando i PC non esistevano e l'intera informatica era un
fenomeno di trascurabile importanza.
Bei tempi. Spesso vorrei si tornasse indietro. Non e' certamente stata
positiva questa informatizzazione di massa, dove le connessioni a internet
si vendono ormai al prezzo delle patate, i pc costano poco e i genitori
parcheggiano i loro figli davanti a questa macchinetta incuranti del fatto
che non sanno cosa stanno facendo.

Io continuo a pensare che l'accesso a internet vada _strettamente_
controllato.
Post by Alessandro Bottoni
Sono molto dalla parte dei "ladroni" perchè penso che siano cittadini che
vengono arbitrariamente privati di alcuni diritti che ritengo importanti.
E quali sarebbero questi diritti? Di rubare qualcosa che non
vogliono-possono comprarsi?
E i diritti di chi produce, allora? E' incredibile che uno che dichiara di
offrire collaborazioni ai giornali scriva una scemenza simile. Tu le
collaborazioni le fai gratis?
Post by Alessandro Bottoni
Per quanto riguarda il "giornalista" devi aver perso uno dei messaggi
iniziali: sono un piccolo imprenditore (faccio software) ed un consulente.
Scrivo per le riviste quando c'è qualcosa da raccontare e che la gente ama
leggere, come in questo caso.
Tu il software lo regali?
Fritz
2005-10-04 18:12:07 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Non vedo pericoli da una tecnologia che si limita semplicemente, tra le
altre cose, a tutelare le opere protette da un utilizzo fraudolento.
Vedo, come dicevo all'inizio, solo vantaggi e chiarezza.
Ah, beh. Sai che sul nuovo Winzzoz si potra' installare solo programmi
autorizzati da Billy? Sai che se sviluppi un applicativo per poterlo
far installare sul nuovo S.O. dovrai chiedere il permesso e pagare i
diritti a Bill?

Io ci vedo la fine del software free, del software opensource, di
Skype e quant'altro di libero esiste su internet.

Sai che sara' consentito navigare solo su siti autorizzati? Basta siti
amatoriali, solo siti commerciali.

A me non sembra che ci siano poi tutti sti vantaggi.

Inoltre tutti gli apparecchi elettronici (DVD/TV/Decoder) diventeranno
come lo Skyfobox e la sua estensione MySky dove e' sky a decidere cosa
puoi vedere/registrare.

Ciao
--
Fritz

Togli *ERASE* per rispondere in e-mail.
Marc Serafino
2005-10-04 20:28:03 UTC
Permalink
Post by Fritz
Post by Marc Serafino
Non vedo pericoli da una tecnologia che si limita semplicemente, tra le
altre cose, a tutelare le opere protette da un utilizzo fraudolento.
Vedo, come dicevo all'inizio, solo vantaggi e chiarezza.
Ah, beh. Sai che sul nuovo Winzzoz
Noto che come molti di quelli che insultano il buon gates tu sei uno di
quelli che utilizza proprio il suo sistema operativo. Predichi in un modo e
razzoli in un altro, bravo!
Post by Fritz
si potra' installare solo programmi
autorizzati da Billy?
Si potranno installare solo programmi che garantiscano la compatibilita'
con il sistema operativo e le sue specifiche, mi pare anche logico.
Post by Fritz
Sai che se sviluppi un applicativo per poterlo
far installare sul nuovo S.O. dovrai chiedere il permesso e pagare i
diritti a Bill?
Questo non e' vero.
Post by Fritz
Io ci vedo la fine del software free, del software opensource, di
Skype e quant'altro di libero esiste su internet.
Io no, ci sono svariati altri sistemi operativi, e Skype e' gia' di
proprieta' di Ebay, quindi non si tratta piu' di software libero.
Se ami tanto il software libero, cuor di leoncino, inizia ad utilizzare un
sistema operativo diverso da Windows.
Post by Fritz
Sai che sara' consentito navigare solo su siti autorizzati?
Non farmi ridere.
Post by Fritz
Basta siti
amatoriali, solo siti commerciali.
Sei comico.
Post by Fritz
A me non sembra che ci siano poi tutti sti vantaggi.
A me invece si', sto parlando di DRM. Sara' per altro implementato anche
sul kernel di Linux, poi ovviamente se uno vuole non lo compila. Ma pare
che tutte le principali distribuzioni lo attiveranno per impostazione
predefinita.
Post by Fritz
Inoltre tutti gli apparecchi elettronici (DVD/TV/Decoder) diventeranno
come lo Skyfobox e la sua estensione MySky dove e' sky a decidere cosa
puoi vedere/registrare.
Primo si chiama Skybox, secondo e' giusto cosi' se quelli che devono essere
riprodotti sono contenuti commerciali. I tuoi filmini amatoriali,
tranquillo, potrai continuare a riprodurli.

D'altro canto era ben tempo di fare un po' di pulizia tra questa schifezza
informatica, finta liberta' che e' solo vigliaccheria e furto.
Fritz
2005-10-06 09:30:24 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by Fritz
Ah, beh. Sai che sul nuovo Winzzoz
Noto che come molti di quelli che insultano il buon gates tu sei uno di
quelli che utilizza proprio il suo sistema operativo. Predichi in un modo e
razzoli in un altro, bravo!
Per lavoro non ho molte scelte, devo sviluppare su Winzoz.
Post by Marc Serafino
Post by Fritz
si potra' installare solo programmi
autorizzati da Billy?
Si potranno installare solo programmi che garantiscano la compatibilita'
con il sistema operativo e le sue specifiche, mi pare anche logico.
Post by Fritz
Sai che se sviluppi un applicativo per poterlo
far installare sul nuovo S.O. dovrai chiedere il permesso e pagare i
diritti a Bill?
Questo non e' vero.
Io ho letto informazioni contrastanti, nulla di ufficiale, solo quello
che ho trovato in proposito.
Post by Marc Serafino
Post by Fritz
Io ci vedo la fine del software free, del software opensource, di
Skype e quant'altro di libero esiste su internet.
Io no, ci sono svariati altri sistemi operativi,
Vero, io sto meditando di passare a Linux.
Post by Marc Serafino
e Skype e' gia' di
proprieta' di Ebay, quindi non si tratta piu' di software libero.
E' comunque un servizio gratuito
Post by Marc Serafino
Se ami tanto il software libero, cuor di leoncino, inizia ad utilizzare un
sistema operativo diverso da Windows.
Mi sa che iniziero' presto se quel che ho letto e' vero.
Post by Marc Serafino
Post by Fritz
Sai che sara' consentito navigare solo su siti autorizzati?
Non farmi ridere.
http://www.apogeonline.com/webzine/2002/07/02/01/200207020102
Post by Marc Serafino
A me invece si', sto parlando di DRM. Sara' per altro implementato anche
sul kernel di Linux, poi ovviamente se uno vuole non lo compila. Ma pare
che tutte le principali distribuzioni lo attiveranno per impostazione
predefinita.
Appunto sara' proposto, non imposto.
Post by Marc Serafino
Post by Fritz
Inoltre tutti gli apparecchi elettronici (DVD/TV/Decoder) diventeranno
come lo Skyfobox e la sua estensione MySky dove e' sky a decidere cosa
puoi vedere/registrare.
Primo si chiama Skybox, secondo e' giusto cosi' se quelli che devono essere
riprodotti sono contenuti commerciali. I tuoi filmini amatoriali,
tranquillo, potrai continuare a riprodurli.
D'altro canto era ben tempo di fare un po' di pulizia tra questa schifezza
informatica, finta liberta' che e' solo vigliaccheria e furto.
Ok il combattere la pirateria, ma questo a l'aria di essere un "Grande
fratello".

Ciao
--
Fritz

Togli *ERASE* per rispondere in e-mail.
Alessandro Bottoni
2005-10-05 07:43:53 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
Vedo anch'io dei possibili benefici, ovviamente. Il problema è che non
- non vedo come sia possibile imporre il DRM a tutti
Nessuno vuole imporre nulla a nessun'altro. E' come per i prodotti
protetti dal copyright: se non li vuoi pagare, non sei mica obbligato a
comprarli.
Ed invece c'è chiaramente la volontà politica di imporre un modello di
controllo (quello del DRM) a tutti e senza discussione alcuna. Questo è uno
dei punti cruciali: chi ha autorizzato questa gente ad imporre la propria
visione del mondo (la propria concezione del meccanismo di controllo del
rispetto dei diritti) a tutti gli altri abitanti del pianeta? Il solo fatto
di essere gli unici in grado di produrre CPU (grazie al meccanismo dei
brevetti)?

In una democrazia (come dovrebbero essere gli USA, l'Italia ed il resto
d'Europa), sono il Popolo ed il Parlamento a decidere qual'è l'estensione
dei diritti di una persona (ad esempio quanto durano i diritti d'autore) e
quali meccanismi è lecito adottare per imporne il rispetto. Questa
discussione popolare e parlamentare finora non c'è stata. Ci sono state
solo delle "prese d'atto" della Commissione Europea, delle Direttive e dei
Decreti Legge. L'unica legge italiana che esplicita il permesso all'uso dei
DRM risale al governo fascista (Legge 633 del 1941), per cui non è stata
discussa da nessuno in modo democratico.

Personalmente mi sento scippato di un mio diritto costituzionale ed intendo
protestare ad alta voce per questo.
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
- non vedo come sia possibile conciliare il DRM con la libertà
dell'individuo
Io non vedo invece alcun tipo di correlazione.
La correlazione invece è molto evidente: dato che noi, come Popolo e come
Parlamento, non abbiamo avuto (e quasi certamente non avremo) voce in
capitolo su queste decisioni, ci troviamo nella situazione di dover
accettare le decisioni di RIAA, M$, Intel e via dicendo. Sono loro
(indipendentemente da quello che noi ne pensiamo) a decidere cosa è "bene"
e cosa è "male" fare sulle /loro/ macchine (che noi abbiamo profumatamente
pagato). Quindi:
- che facciamo se questi decidono che Linux non gli piace?
- che facciamo se questi decidono che OpenOffice non gli piace?
- che facciamo se questi decidono che non gli piace che noi si parli male di
loro?
- che facciamo se questi decidono che non gli piace che si parli male di
Berlusconi o di Prodi?

Questi come li vogliamo chiamare? Aspetti commerciali?
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
- non vedo una accettazione passiva o convinta del DRM da parte dei suoi
utilizzatori
Non sono obbligati ad accettarlo infatti.
Non sono obbligati ad accettare un meccanismo che viene radicato addirittura
nelle CPU del loro PC? E come potrebbero mai rifiutarsi di adottarlo? Si
costruiscono una CPU senza DRM in cantina nel tempo libero?

O intendi forse dire che possono "rifiutare" il DRM rifiutandosi di
consumare contenuti protetti da DRM? In questo caso, quali contenuti
"liberi" rimarrebbero fuori dalla lista nera? I CD di musica classica e le
TV di quartiere? Come potrebbe il nostro Signor Rossi restare immerso in un
ambiente culturale adatto ai nostri tempi? O invece non è rilevante che il
Signor Rossi abbia accesso alla cultura mondiale del suo tempo (e che
quindi riesca a compiere scelte consapevoli quando si reca alle urne,
quando compra un prodotto, etc.)?
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
Insomma, vedo molti più pericoli che vantaggi.
Non vedo pericoli da una tecnologia che si limita semplicemente, tra le
altre cose, a tutelare le opere protette da un utilizzo fraudolento.
Vedo, come dicevo all'inizio, solo vantaggi e chiarezza.
Vantaggi per chi? E quale tipo di chiarezza? Quella che dice che non siamo
liberi di decidere cosa possiamo fare con un bene che abbiamo pagato con
soldi buoni? Soldi, bada bene, che possono essere spesi per qualunque
scopo. Nelle nostre banconote non c'è un DRM che impedisca a Intel di
usarle per pagare qualcuno che vuole sovvertire una democrazia parlamentare
o che traffica in eroina.

E poi quale utilizzo fraudolento? Quello che consiste nel riversare brani
provenienti da più CD musicali (regolarmente acquistati) su un unico CD
vergine (legalmente acquistato) per ascoltare la compilation in auto? Anche
questo non sarà più possibile, a quanto pare. Quali sarebbero allora gli
utilizzi leciti di un contenuto?

E, soprattutto, chi decide su questo punto? M$? Intel? Che diritti hanno
queste aziende di imporre il loro punto di vista su miliardi di persone?
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
Post by Marc Serafino
Sara' un vantaggio anche per combattere altri tipi di delinquenza: tu
questi strumenti crittati te li sogni, Ants e' meno che zero e persino
Freenet o come cavolo si chiama non lo usa nessuno.
Per quale motivo credi che stia qui a parlarne da qualche giorno?
Ah non lo so. Vuoi spostare l'utenza sui quei programmi? :-)
Spero di far conoscere una alternativa concreta a questo modo di pensare.
L'esistenza stessa di strumenti come il P2P di terza generazione è il segno
più tangibile che questa visione poliziesca del mondo non è implicitamente
autorizzata dalla gente che ne subisce gli effetti. A molta gente questa
situazione non sta bene e non perde occasione per dimostrarlo. Mi sembra un
fenomeno degno di attenzione (anche "giornalistica").
Post by Marc Serafino
Specie ants e' un pezzo di software a cui ho dato un'occhiata,
semplicemente penoso e con due o tre utenti in tutto. Freenet e' un
discorso differente: si trova anche controcultura, quindi documenti e
svariate altre cose interessanti, ma pure questo e' totalmente sconosciuto
alle masse.
Le masse dei ladroni sanno usare a malapena winmx, questo e' il livello
"culturale".
Le masse dei "ladroni" useranno quello che gli pare. Quello che mi sembra
importante è che si cominci a diffondere la notizia che un altro modo di
affrontare questo problema è possibile e che molta gente ci sta lavorando
su.

E poi, visto che insisti (da diversi post) a voler parlare di livello
culturale e di ladroni, dimostrami qual'è il tuo livello culturale. Che SO
operativo usi? Quanto lo conosci? Che fai per vivere e per pagare i diritti
sulla roba che consumi? Raccontaci un po' di te. Il mio CV, bello o brutto
che sia, è facilmente reperibile in rete. Di te non sappiamo nemmeno come
ti chiami realmente.

Come mai partecipi a questo NG? E se tu fossi qui, dentro un NG di P2P, solo
per imparare a conoscere meglio i "grimaldelli" esistenti e darti al furto
di contenuti in modo più sicuro ed efficente?

Prima di dare dell'ignorante e del ladrone agli altri è meglio che tu riesca
a convincere gli altri di essere nella posizione di poter fare delle
prediche offensive come questa. Cosa puoi fare per convincerci della tua
santità e della tua genialità?
Post by Marc Serafino
Bei tempi. Spesso vorrei si tornasse indietro. Non e' certamente stata
positiva questa informatizzazione di massa, dove le connessioni a internet
si vendono ormai al prezzo delle patate, i pc costano poco e i genitori
parcheggiano i loro figli davanti a questa macchinetta incuranti del fatto
che non sanno cosa stanno facendo.
Io continuo a pensare che l'accesso a internet vada _strettamente_
controllato.
Sono d'accordo con te! Credo che l'accesso ad Internet debba essere
strettamente controllato da qualcuno che può dire cosa si può e cosa non si
può fare in rete. Voglio un vero capo (= un vero maschio) al comando,
qualcuno che sa buttar fuori dalla rete, a suon di leggi e manganellate, la
gente che non merita di starci.

Quel capo (= maschio) voglio essere io. Tu sei d'accordo, naturalmente.

Eh, già, perchè se tu non sei d'accordo (e non ti vuoi accoppiare
passivamente con me) ci tocca ricorrere a quel penoso meccanismo della
Democrazia per decidere chi debba comandare, in che modo e con quali
poteri... Che tristezza! Pensa che potrebbe persino succedere che venga
incaricato del comando un debole (= un frocio) che invece pensa che tutti
abbiano uguali diritti, compresi quelli relativi all'accesso ad Internet...

Aaarghhh! Ho i brividi al solo pensiero!
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
Sono molto dalla parte dei "ladroni" perchè penso che siano cittadini che
vengono arbitrariamente privati di alcuni diritti che ritengo importanti.
E quali sarebbero questi diritti? Di rubare qualcosa che non
vogliono-possono comprarsi?
Per esempio sono convinto del fatto che una persona abbia il diritto di non
pagare una ammenda per un reato che non ha ancora commesso e che forse non
commetterà mai (Diritto di Levi). Penso anche che sia un diritto
inalienabile quello di non venire costretti a pagare una tassa ad un
privato (la RIAA). Penso che sia un diritto poter esprimere la propria
opinione, in prima persona ed attraverso un voto popolare, sulla
legittimità di soluzioni socialmente ed economicamente "pesanti" come il
Diritto di Levi e l'uso di sistemi DRM.

Mi rendo conto di essere un pericoloso sovversivo ma che ci vuoi fare...
vengo da una famiglia di comunisti (nonno nella lista dei 200 fondatori del
Partito Nazionale Fascista, prozio amico personale di Italo Balbo, padre
militante ad Alleanza Nazionale, etc.)... Questa vena rossa, populista ed
eversiva non si elimina facilmente...
Post by Marc Serafino
E i diritti di chi produce, allora?
Mi sembra che siano già molto più protetti di quelli di chi acquista.
Vogliamo forse arrivare a garantire all'industria del recording il diritto
di incassare i soldi senza nemmeno rinunciare a nulla della proprietà sul
bene venduto? Sarebbe questo il rischio d'impresa? Se sei in vena di
esperimenti, prova a vendere o noleggiare qualcosa su eBay e rifiutarti di
consegnare la merce dopo aver incassato i soldi.
Post by Marc Serafino
E' incredibile che uno che dichiara di
offrire collaborazioni ai giornali scriva una scemenza simile. Tu le
collaborazioni le fai gratis?
A volte si, a volte no. Il mio scopo è far conoscere problemi (tecnici e
politici) e soluzioni, non incassare. I soldi per vivere me li guadagno in
altri modi, prevalmentente fornendo consulenze a poveri stupidi che pensano
che io abbia qualcosa di interessante da dire o costruendo software che
rimane di proprietà dell'acquirente (sia perchè di solito risolve problemi
talmente specifici che nessun'altro saprebbe cosa farsene, sia perchè così
sono concepiti i contratti che firmo).

Comunque, se rileggi i miei interventi (e quelli di molti altri) vedrai che
il punto che stiamo discutendo _non è_ la legittimità del diritto d'autore.
Sul fatto che il diritto d'autore debba esistere e debba essere rispettato
siamo tutti d'accordo. Quello che stiamo discutendo qui è la legittimità di
imporre dall'alto dell'industria (non dall'alto dei parlamenti) una
decisione che riguarda quale sia l'estensione di questo diritto e quali
possano essere i meccanismi di controllo. La discussione è squisitamente
politica (cioè riguarda delle scelte arbitrarie che devono essere fatte
tenendo conto di varie cose, tra cui le opportunità sociali ed economiche
del caso).

Non vedo scemenze in tutto questo.
Post by Marc Serafino
Tu il software lo regali?
Vedi sopra.

A parte il mio piccolissimo esempio, c'è comunque moltissima gente che
regala sia il software che i contenuti (Linux, OpenOffice, Mozilla,
CreativeCommons, etc.) Questa iniqua, scandalosa "economia del
regalo" (Gift Economy) non ha messo in difficoltà l'economia mondiale.
Anzi: sembra che gli unici settori dello sviluppo software che "tirano",
economicamente parlando, in questo momento siano quelli legati a questi
prodotti.

Ah, già! Scusa! Stavo dicendo un'altra "scemenza": è chiaramente la ferrea
politica dei diritti, imposta con invulnerabili meccanismi DRM, che ha
fatto nascere e crescere aziende _commerciali_ come Madrake, SuSe, Red Hat,
Mepis, Xandros, Linspire e che ora sta facendo fare i soldi a Sun sui
prodotti Java, a IBM sui prodotti DB2 ed a Netscape sulle versioni custom
di Mozilla.

Caro DRM, come potremmo mai vivere senza...

-----------------------------------
Alessandro Bottoni
Marc Serafino
2005-10-05 20:47:03 UTC
Permalink
Post by Alessandro Bottoni
Post by Marc Serafino
Nessuno vuole imporre nulla a nessun'altro. E' come per i prodotti
protetti dal copyright: se non li vuoi pagare, non sei mica obbligato a
comprarli.
Ed invece c'è chiaramente la volontà politica di imporre un modello di
controllo (quello del DRM) a tutti e senza discussione alcuna.
Scusa, eh, e a chi si dovrebbe chiedere il permesso, a chi ruba il diritto
d'autore?
Post by Alessandro Bottoni
Questo è uno
dei punti cruciali: chi ha autorizzato questa gente ad imporre la propria
visione del mondo (la propria concezione del meccanismo di controllo del
rispetto dei diritti) a tutti gli altri abitanti del pianeta? Il solo fatto
di essere gli unici in grado di produrre CPU (grazie al meccanismo dei
brevetti)?
Scusa, eh, ma tu hai le idee un po' confuse. Quanto alla tua prima
affermazione, direi proprio che quello che mette le serrature e' il
derubato, e non deve certo chiedere permesso al ladro. Quanto alla tua
seconda affermazione, ovviamente, tu - Intel - cosa risponderesti se ti
venisse chiesta la tua collaborazione per implementare una tecnologia che
rende piu' sicura la rete, proteggendola dal costante e contin uo furto dei
diritti, tra l'altro, poiche' il drm non e' solo questo?
Post by Alessandro Bottoni
In una democrazia (come dovrebbero essere gli USA, l'Italia ed il resto
d'Europa), sono il Popolo ed il Parlamento a decidere qual'è l'estensione
dei diritti di una persona (ad esempio quanto durano i diritti d'autore) e
quali meccanismi è lecito adottare per imporne il rispetto.
Ma non farmi ridere per favore. Sono stupito che esista qualcuno che ti
faccia scrivere stupidaggini del genere. Sarei veramente curioso di leggere
il tuo "articolo". Il parlamento si occupa di legiferare, la giustizia di
fare rispettare le leggi. Il caso in questione rientra pienamente nel
sacrosanto diritto dei percettori di diritti d'autore chiedere alla
giustizia di far rispettare le leggi, visto che in tutti i paesi civili il
furto di diritto d'autore e' REATO perseguibile PENALMENTE.
Post by Alessandro Bottoni
Personalmente mi sento scippato di un mio diritto costituzionale ed intendo
protestare ad alta voce per questo.
Personalmente ti senti scippato del cervello. :-(((
Zio Fitzcarraldino II°
2005-10-05 21:37:39 UTC
Permalink
*Marc Serafino* scrisse:
|| Il Wed, 05 Oct 2005 07:43:53 GMT, Alessandro Bottoni ha scritto:


---------------------------------------------------------------------------


|| Personalmente ti senti scippato del cervello. :-(((

Per uno che in un post precedente ti difese a spada tratta *contro* gli
insulti personali gratuiti, [a cui tu non hai nemmeno preso atto], credo
queste tue uscite _infelici_ non facciano altro che confermare la tesi
della scarsezza dei tuoi argomenti.
Saluti.
--
Lo Zio Fizzy
/)/)
( '.')
o(_('')('')
Alessandro Bottoni
2005-10-06 07:45:17 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Scusa, eh, e a chi si dovrebbe chiedere il permesso, a chi ruba il diritto
d'autore?
Alla gente che deve vivere in questo paese. Questo tipo di leggi si
concordano, tra chi ne tra vantaggio e chi ne subisce gli effetti, ai fini
di avere una situazione globale soddisfacente per tutti. Questi diritti
(diritto d'autore, brevetto, etc.) vengono riconosciuti al fine di
promuovere lo sviluppo industriale del paese, non sono "diritti naturali"
inalienabili (Nemmeno la legge italiana sostiene il contrario). Questo l'ho
già spiegato in un precedente post.
Post by Marc Serafino
Scusa, eh, ma tu hai le idee un po' confuse. Quanto alla tua prima
affermazione, direi proprio che quello che mette le serrature e' il
derubato, e non deve certo chiedere permesso al ladro. Quanto alla tua
seconda affermazione, ovviamente, tu - Intel - cosa risponderesti se ti
venisse chiesta la tua collaborazione per implementare una tecnologia che
rende piu' sicura la rete, proteggendola dal costante e contin uo furto
dei diritti, tra l'altro, poiche' il drm non e' solo questo?
Sono sicuro che hai ancora fresche nella mente le immagini delal polizia che
scardina con il cannello ossiacetilenico le inferriate installate
abusivamente dai boss della droga nei palazzi della periferia napoletana.

Si può mettere la serratura solo a qualcosa che ti appartiene. Qualcosa ti
appartiene solo quando la società nel suo complesso ti riconosce questo
diritto. Personalmente, credo che siano l'estensione temporale di questo
diritto ed i modi con cui è possibile difenderlo che _non_ sono mai stati
avvallati dalla discussione e dal voto popolare. Da questa mancanza di
riconoscimento popolare nascono tutti i problemi del copyright e dei
brevetti. Si tratta di un problema squisitamente politico, come ho già
detto, e va discusso civilmente per arrivare ad una soluzione politica.
Post by Marc Serafino
Ma non farmi ridere per favore. Sono stupito che esista qualcuno che ti
faccia scrivere stupidaggini del genere. Sarei veramente curioso di
leggere il tuo "articolo". Il parlamento si occupa di legiferare, la
giustizia di fare rispettare le leggi. Il caso in questione rientra
pienamente nel sacrosanto diritto dei percettori di diritti d'autore
chiedere alla giustizia di far rispettare le leggi, visto che in tutti i
paesi civili il furto di diritto d'autore e' REATO perseguibile
PENALMENTE.
L'articolo in questione sarà reperibile a breve in edicola, per cui la
curiosità potrà essere facilmente soddisfatta.

Trattandosi di una rivista tecnica, ci si occupa solo di aspetti tecnici. La
situazione politica e legislativa viene solo rapidamente descritta per il
tanto che è necessario per capire gli aspetti tecnici che ne conseguono.
Gli aspetti più controversi li abbiamo discussi noi in questa sede.

Nell'articolo sul DRM che sto scrivendo, vengono presentate in modo
esaustivo le posizioni di chi è contro e chi è a favore. In questo cercherò
di mettere il massimo di obiettività umanamente possibile, ne puoi star
sicuro.
Post by Marc Serafino
Post by Alessandro Bottoni
Personalmente mi sento scippato di un mio diritto costituzionale ed
intendo protestare ad alta voce per questo.
Personalmente ti senti scippato del cervello. :-(((
Occhio ad offendere la gente in rete. Non sei invisibile ed irrintracciabile
come credi.

Di nuovo: visto che noi tutti siamo dei ladroni semideficenti, vuoi
gentilmente spiegare alla platea chi sei, cosa fai per vivere e per quale
motivo ti trovi qui a discutere di P2P? A queste mie domande del post
precedente ancora non hai risposto.

-----------------------------------
Alessandro Bottoni
adamski
2005-10-06 19:37:11 UTC
Permalink
sono sicuro che hai ancora fresche nella mente le immagini delal polizia che
scardina con il cannello ossiacetilenico le inferriate installate
abusivamente dai boss della droga nei palazzi della periferia napoletana.
Ecco, metti il tuo MAD (a proposito, mai nome fu più adeguato) al posto
delle grate e capisci quanto balzana possa essere la tua idea.
Si può mettere la serratura solo a qualcosa che ti appartiene. Qualcosa ti
appartiene solo quando la società nel suo complesso ti riconosce questo
diritto.
Personalmente, credo che siano l'estensione temporale di questo
diritto ed i modi con cui è possibile difenderlo che _non_ sono mai stati
avvallati dalla discussione e dal voto popolare.
Mi pare proprio che la società sia abbastanza concorde nel dire che se io
produco qualcosa e te lo vendo a determinate condizioni tu non possa fare
il cazzo che ti pare, tipo darlo in giro a cani e porci diminuendo il mio
profitto.



[cut]
Post by Marc Serafino
Personalmente ti senti scippato del cervello. :-(((
Occhio ad offendere la gente in rete. Non sei invisibile ed irrintracciabile
come credi.
Lol. Ma che fai? Le minacce da mafioso?
--
adamski
Alessandro Bottoni
2005-10-07 07:27:26 UTC
Permalink
Post by adamski
Mi pare proprio che la società sia abbastanza concorde nel dire che se io
produco qualcosa e te lo vendo a determinate condizioni tu non possa fare
il cazzo che ti pare, tipo darlo in giro a cani e porci diminuendo il mio
profitto.
Non mi sembra proprio che esista questo consenso diffuso.

Sul punto specifico dei limiti da attribuire al diritto d'autore, quasi
tutti quelli con cui parlo si dimostrano apertamente contrari al fatto che
il diritto d'autore possa durare per decenni (ormai siamo vicini al
secolo).

Per quanto riguarda i meccanismi di "law enforcement", non vedo una
maggioranza di consensi all'adozione del DRM.

Sul fatto che non si possa vantare dei veri diritti d'uso su un prodotto
anche dopo aver pagato la SIAE quindici volte, non vedo un consenso
diffuso.

Potrei continuare ma credo che ci siamo capiti: questo argomento è _molto_
controverso. Non c'è affatto l'accordo, che tu dai per scontato,
sull'accettare la situazione attuale o quella che viene prospettata dai
nostri politici.

Leggi "Punto Informatico" se vuoi avere una idea delle critiche che vengono
mosse a questo sistema.
Post by adamski
[cut]
Post by Alessandro Bottoni
Post by Marc Serafino
Personalmente ti senti scippato del cervello. :-(((
Occhio ad offendere la gente in rete. Non sei invisibile ed
irrintracciabile come credi.
Lol. Ma che fai? Le minacce da mafioso?
Non ho nulla in contrario alle discussioni, anche accese, su temi tecnici e
politici, ma non sono disponibile ad accettare offese personali. Se questo
fatto ti sconvolge, è un problema tuo.

-----------------------------------
Alessandro Bottoni
Marc Serafino
2005-10-07 12:29:47 UTC
Permalink
Post by Alessandro Bottoni
Post by Marc Serafino
Scusa, eh, e a chi si dovrebbe chiedere il permesso, a chi ruba il diritto
d'autore?
Alla gente che deve vivere in questo paese.
Alla gente che vive in questo paese il permesso e' stato chiesto nel
momento in cui il parlamento - eletto dal popolo - ha deliberato una certa
legge.
Post by Alessandro Bottoni
Questo tipo di leggi si
concordano, tra chi ne tra vantaggio e chi ne subisce gli effetti
Le leggi si promulgano, non si concordano!!! Ma almeno educazione civica
alle medie l'hai studiata?
Post by Alessandro Bottoni
Sono sicuro che hai ancora fresche nella mente
A meno che non si tratti di polizia postale, qui, sei OT. Ti stai riducendo
come tutti gli altri (non che tu sia molto diverso dagli altri, anche se a
prima vista poteva sembrare): parli di grandi sistemi per non voler
accettare quella che e' la sostanza e la sostanza dice: rubare e' reato.
Post by Alessandro Bottoni
Si può mettere la serratura solo a qualcosa che ti appartiene. Qualcosa ti
appartiene solo quando la società nel suo complesso ti riconosce questo
diritto.
Ma tu sei pazzo!!! Me neppure un bambino di 5 anni scriverebbe le
scempiaggini che scrivi tu.

E secondo te le canzoni che io deposito alla SIAE non mi appartengono
esattamente quanto la macchina posteggiata sotto casa mia???
Post by Alessandro Bottoni
Trattandosi di una rivista tecnica, ci si occupa solo di aspetti tecnici.
Ecco, bravo, che e' meglio, sperando che te la cavi un pochino meglio che
con la costituzione e il diritto. E inoltre immagino proprio che il
direttore responsabile non ti permetterebbe di andare oltre, visto che non
hai la sostanza per farlo, ossia sei ignorante negli ambiti sopra citati.
Post by Alessandro Bottoni
Post by Marc Serafino
Personalmente mi sento scippato di un mio diritto costituzionale ed
Post by Alessandro Bottoni
intendo protestare ad alta voce per questo.
Personalmente ti senti scippato del cervello. :-(((
Occhio ad offendere la gente in rete. Non sei invisibile ed irrintracciabile
come credi.
E quindi?
Post by Alessandro Bottoni
Di nuovo: visto che noi tutti siamo dei ladroni semideficenti
Voi tutti chi? Se appartieni alla categoria dei ladri (di diritto d'autore
o di qualsiasi altra cosa), si' sei un ladrone come gli altri!

Quanto al deficiente, leggendo quello che scrivi, preferisco definirti un
ignorante.
adamski
2005-10-06 19:28:00 UTC
Permalink
Post by Alessandro Bottoni
O intendi forse dire che possono "rifiutare" il DRM rifiutandosi di
consumare contenuti protetti da DRM?
Bravo. Grazie al tuo acume ci sei arrivato.
Post by Alessandro Bottoni
In questo caso, quali contenuti
"liberi" rimarrebbero fuori dalla lista nera? I CD di musica classica
Fammi capire, tu pensi che i cd di musica classica siano piratabili senza
limitazioni? Ma sei vero? Sei capitato qui per divertirci? Facciamo a torte
in faccia ora, dai!
--
adamski
Alessandro Bottoni
2005-10-06 19:46:48 UTC
Permalink
Post by adamski
Post by Alessandro Bottoni
In questo caso, quali contenuti
"liberi" rimarrebbero fuori dalla lista nera? I CD di musica classica
Fammi capire, tu pensi che i cd di musica classica siano piratabili senza
limitazioni? Ma sei vero? Sei capitato qui per divertirci? Facciamo a
torte in faccia ora, dai!
I _diritti d'autore_ (che riguardano gli spartiti) durano 70 anni dopo la
morte dell'autore. Di conseguenza, quelli di Beethoven e Mozart, ad
esempio, sono ampiamente scaduti.

I CD di classica _non_ sono piratabili per _altri_ motivi (diritti degli
esecutori ed altro).

-----------------------------------
Alessandro Bottoni
Marc Serafino
2005-10-07 12:37:48 UTC
Permalink
Post by adamski
Post by Alessandro Bottoni
In questo caso, quali contenuti
"liberi" rimarrebbero fuori dalla lista nera? I CD di musica classica
Fammi capire, tu pensi che i cd di musica classica siano piratabili senza
limitazioni? Ma sei vero? Sei capitato qui per divertirci? Facciamo a torte
in faccia ora, dai!
Quel tipo e' il vuoto assoluto condito di paroloni, una categoria che qui
ancora mancava :-)

Marc Serafino
2005-10-02 12:32:03 UTC
Permalink
Post by SatanFango
Dunque, premesso di non capirne niente di diritto, pongo
1) Operazioni come queste rappresentano una grave violazione della
legge sulla Privacy.
Da quando fornire notizie di reato alla PG rappresenta una grave violazione
della privacy?
Post by SatanFango
Salvo tali "controlli" non siano effettuati
*direttamente* dalla Finanza o organi similari.
Assolutamente no. Qualsiasi cittadino ha diritto di utilizzare lo strumento
dell'Esposto per portare a conoscenza dell'autorita' giudiziaria eventuali
reati e di indicarne i presunti colpevoli.
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Articolo del CP o del CPP, che io non lo conosco?
Post by SatanFango
Vista l'estrema... elasticità diritto
internettistico, io credo convenga iniziare ad interrogarci su tali
quesioni...
Io credo che sarebbe piu' conveniente smettere di scaricare materiale
protetto da diritto d'autore, vista l'aria che tira.
SatanFango
2005-10-02 13:48:39 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Da quando fornire notizie di reato alla PG rappresenta una grave violazione
della privacy?
I server spia forniscono "notizie del reato" rendendosi compici dello
stesso. E la privacy viene in ogni caso violata, anche quando la spia
non scopre nulla di illegale.
Post by Marc Serafino
Qualsiasi cittadino ha diritto di utilizzare lo strumento
dell'Esposto per portare a conoscenza dell'autorita' giudiziaria eventuali
reati e di indicarne i presunti colpevoli.
Ci mancherebbe. Mi pare stessimo parlando d'altro. L'Esposto è solo
l'ultimo gradino.
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Articolo del CP o del CPP, che io non lo conosco?
Prova a compiere un'azione del genere nella "vita reale" e vedrai come
un bel tizio con la toga sapreà far apparire farà apparire l'articolo.
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
Vista l'estrema... elasticità diritto
internettistico, io credo convenga iniziare ad interrogarci su tali
quesioni...
Io credo che sarebbe piu' conveniente smettere di scaricare materiale
protetto da diritto d'autore, vista l'aria che tira.
Il mio avvocato non è dello stesso parere. Dice anzi che a *rischiare
molto* sono gli i spioni di cui stiamo parlando.
--
"lascia perdere il clacson, ragazzo. eppoi, dal
suono, non direi che è un uomo. mi sa tanto che
è una donna. un uomo farebbe delle pause, delle
variazioni, ne caverebbe minacce musicali. una
donna ci pigia sopra e basta."
Marc Serafino
2005-10-02 15:06:43 UTC
Permalink
Post by SatanFango
Post by Marc Serafino
Da quando fornire notizie di reato alla PG rappresenta una grave violazione
della privacy?
I server spia forniscono "notizie del reato" rendendosi compici dello
stesso.
Spia? Sei ridicolo. Se io mi ritengo danneggiato dal mio vicino di casa che
mi buca sempre la gomma dell'auto ho tutto il diritto a spiare quest'ultimo
esattamente come ho tutto il diritto (e da lungo tempo faccio) di spiare
gli IP di chi condivide la mia proprieta' intellettuale, ossia il mio
diritto d'autore, e di perseguire l'azione giudiziaria.
Post by SatanFango
E la privacy viene in ogni caso violata, anche quando la spia
non scopre nulla di illegale.
E allora?
Post by SatanFango
Post by Marc Serafino
Qualsiasi cittadino ha diritto di utilizzare lo strumento
dell'Esposto per portare a conoscenza dell'autorita' giudiziaria eventuali
reati e di indicarne i presunti colpevoli.
Ci mancherebbe. Mi pare stessimo parlando d'altro. L'Esposto è solo
l'ultimo gradino.
Esatto, il gradino conseguente alla rilevazione da parte del cittadino di
un comportamento illecito da segnalare all'autorita' giudiziaria.
Post by SatanFango
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Articolo del CP o del CPP, che io non lo conosco?
Prova a compiere un'azione del genere nella "vita reale" e vedrai come
un bel tizio con la toga sapreà far apparire farà apparire l'articolo.
Il CP e il CPP sono gli stessi per me e per il signore in toga.
Post by SatanFango
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
Vista l'estrema... elasticità diritto
internettistico, io credo convenga iniziare ad interrogarci su tali
quesioni...
Io credo che sarebbe piu' conveniente smettere di scaricare materiale
protetto da diritto d'autore, vista l'aria che tira.
Il mio avvocato non è dello stesso parere. Dice anzi che a *rischiare
molto* sono gli i spioni di cui stiamo parlando.
Cambia avvocato che se no finisci male.
e***@gmail.com
2005-10-02 15:20:34 UTC
Permalink
se è vero che c'è gente che spia senza autorizzazioni dall'autorità
giudiziaria (leggesi mandati)... in Europa la vedo dura...

rischiano davvero grosso... la privacy in Europa ha molto peso...

baytsp, safenet etc... per ogni utente che tracciano hanno il loro bel
flag "deja-vu"... mi sembra ovvio che tengono traccia di tutta la
storia... di ogni singolo...

l'utilizzo di quei dati al di fuori del territorio degli stati uniti
non so a che conseguenze possa portare per loro...

già in olonanda hanno preso una stangata da far paura:
http://punto-informatico.it/p.asp?i=54079&r=PI
Non solo: i giudici hanno addirittura stabilito che questi dati sensibili sono >stati raccolti in maniera illegale. Infatti l'associazione aveva ingaggiato >un'azienda americana, la SafeNet, per braccare i pirati e riuscire a stanarli. >Attraverso la popolarissima rete eDonkey, i vigilantes di SafeNet entravano >nelle directory condivise degli utenti sospetti: questo metodo, sottolinea la >corte olandese, è una pesante violazione della privacy online.
Marc Serafino
2005-10-02 20:24:54 UTC
Permalink
Post by e***@gmail.com
se è vero che c'è gente che spia senza autorizzazioni dall'autorità
giudiziaria (leggesi mandati)... in Europa la vedo dura...
rischiano davvero grosso...
Rischiamo chi e rischiano cosa??? Anziche' perdere tempo sul p2p,
informarsi un po', e'????
Post by e***@gmail.com
la privacy in Europa ha molto peso...
E questo cosa vuol dire: la magistratura delle singole nazioni e' sovrana.
E le indicazioni comunitarie sulla privacy non toccano le indagini di
polizia giudiziaria, per altro oggi molto piu' semplici da quando non vi e'
piu' necessita' di rogatorie ed e' diventato legge il mandato di cattura
europeo.
Post by e***@gmail.com
l'utilizzo di quei dati al di fuori del territorio degli stati uniti
non so a che conseguenze possa portare per loro...
Te lo dico io a che conseguenza: dipende dai rapporti bilaterali. E per
esempio con Germania e italia non sono mai stati buoni come ora.
Post by e***@gmail.com
http://punto-informatico.it/p.asp?i=54079&r=PI
C'entra come i cavoli a merenda. Studiate, anziche' girare sul pirl2pirl,
che costa sempre piu' caro.
SatanFango
2005-10-02 15:54:11 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
Post by Marc Serafino
Da quando fornire notizie di reato alla PG rappresenta una grave violazione
della privacy?
I server spia forniscono "notizie del reato" rendendosi compici dello
stesso.
Spia? Sei ridicolo. Se io mi ritengo danneggiato dal mio vicino di casa che
mi buca sempre la gomma dell'auto ho tutto il diritto a spiare quest'ultimo
Se, ad esempio, questo comporta introdursi nella proprietà del vicino
di casa per assistere volonariamente o meno a scene d'intimità con la
moglie, no per la legge non ne hai il diritto. Avresti commesso almeno
due reati.
Post by Marc Serafino
esattamente come ho tutto il diritto (e da lungo tempo faccio)
di spiare
gli IP di chi condivide la mia proprieta' intellettuale, ossia il mio
diritto d'autore, e di perseguire l'azione giudiziaria.
Post by SatanFango
E la privacy viene in ogni caso violata, anche quando la spia
non scopre nulla di illegale.
ROTFL
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
Il mio avvocato non è dello stesso parere. Dice anzi che a *rischiare
molto* sono gli i spioni di cui stiamo parlando.
Cambia avvocato che se no finisci male.
Vedremo.
--
"lascia perdere il clacson, ragazzo. eppoi, dal
suono, non direi che è un uomo. mi sa tanto che
è una donna. un uomo farebbe delle pause, delle
variazioni, ne caverebbe minacce musicali. una
donna ci pigia sopra e basta."
BearSeeker
2005-10-03 08:59:53 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Spia? Sei ridicolo. Se io mi ritengo danneggiato dal mio vicino di casa che
mi buca sempre la gomma dell'auto ho tutto il diritto a spiare quest'ultimo
esattamente come ho tutto il diritto (e da lungo tempo faccio) di spiare
gli IP di chi condivide la mia proprieta' intellettuale, ossia il mio
diritto d'autore, e di perseguire l'azione giudiziaria.
[cut]

Non sono d'accordo.
Se ti ritieni danneggiato dal tuo vicino di casa fai una denuncia contro di
lui. Se non hai le prove, invece, contro ignoti. Se il tuo vicino ti sgama
che lo spii, preparati ai guai ;)

I server spia (che non siano della PP) sono a tutti gli effetti "complici"
(come è già stato detto) perchè coinvelti nel reato senza esserne
debitamente autorizzati dalle forze giudiziarie.
--
Davide
Marc Serafino
2005-10-03 12:22:21 UTC
Permalink
Post by BearSeeker
Post by Marc Serafino
Spia? Sei ridicolo. Se io mi ritengo danneggiato dal mio vicino di casa che
mi buca sempre la gomma dell'auto ho tutto il diritto a spiare quest'ultimo
esattamente come ho tutto il diritto (e da lungo tempo faccio) di spiare
gli IP di chi condivide la mia proprieta' intellettuale, ossia il mio
diritto d'autore, e di perseguire l'azione giudiziaria.
[cut]
Non sono d'accordo.
Se ti ritieni danneggiato dal tuo vicino di casa fai una denuncia contro di
lui.
Ovviamente la faccio solo quando sono certo che sia lui colui che mi
danneggia.
Post by BearSeeker
Se non hai le prove, invece, contro ignoti. Se il tuo vicino ti sgama
che lo spii, preparati ai guai ;)
Questo e' tutto da vedersi, mentre stai pur certo che se presento una
querela-denuncia contro qualcuno e risulta infondata e pretestuosa in quel
caso si' che corro dei rischi seri.
Post by BearSeeker
I server spia (che non siano della PP) sono a tutti gli effetti "complici"
(come è già stato detto) perchè coinvelti nel reato senza esserne
debitamente autorizzati dalle forze giudiziarie.
Non c'entra nulla: sono presenti sulla rete allo stesso titolo degli
utenti, e visto che non e' reato segnarsi gli IP della gente che sta su un
pirl2pirl non compiono alcun reato, specie se sono i detentori di quei
diritti violati. E' un po' come spiare il vicino in strada, nel cortile.
Nessun reato: una semplice forma di tutela individuale.

Diversamente indicami articolo del CP e del CPP che sostiene il contrario.
Alessandro Bottoni
2005-10-03 13:36:46 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by BearSeeker
I server spia (che non siano della PP) sono a tutti gli effetti
"complici" (come è già stato detto) perchè coinvelti nel reato senza
esserne debitamente autorizzati dalle forze giudiziarie.
Non c'entra nulla: sono presenti sulla rete allo stesso titolo degli
utenti, e visto che non e' reato segnarsi gli IP della gente che sta su un
pirl2pirl non compiono alcun reato, specie se sono i detentori di quei
diritti violati. E' un po' come spiare il vicino in strada, nel cortile.
Nessun reato: una semplice forma di tutela individuale.
Questa discussione fa intravvedere uno scenario interessante:
- Il signor Axel crea un filmato, od un brano musicale, stabilisce in
qualche modo i diritti di autore su di esso, poi lo "inietta" nella stessa
rete P2P che Axel è solito usare per i suoi "loschi traffici".
- Il signor Burt lavora per la RIAA o per qualcuno simile alla RIAA. Burt
mette in piedi una Honey Pot (un "server spia") e riesce a "beccare" il
signor Axel mentre condivide alcuni file su cui Burt (o chi lo supporta)
può vantare i diritti. Burt denuncia Axel.
- A questo punto Axel tira fuori il log di una ricerca condotta sul server
spia di Burt da cui risulta che Burt, senza nemmeno rendersene conto, stava
condividendo anche il file di sua proprietà (è ciò che abitualmente avviene
con molti programmi P2P di seconda generazione). Axel fa causa a Burt per
lo stesso reato. L'ammontare dei danni economici è diverso, ma la galera
prevista dalla legge in molti paesi del mondo (compresa l'Italia) è la
stessa.

Naturalmente, questo attacco è evitabile usando un software "taroccato" per
il server spia, cioè un software che _non_ condivida materiale di cui non
si possiede il copyright o che semplicemente non condivida niente, "tout
court". Tuttavia, in questo caso al signor Axel è sufficiente usare a sua
volta un programma che scarichi il materiale di suo interesse solo dai
server che contengono anche il suo file.

Implementare questo meccanismo MAD (Mutual Assured Destruction) in uno dei
molti client P2P Open Source è abbastanza semplice. Non mi stupirei di
vederlo implementato a breve, magari da qualche sviluppatore italiano.

A parte questo, è legittimo (per chiunque) fare una normale ricerca con
GNUTella e raccogliere gli indirizzi IP che i peer rendono visibili, in
chiaro, sulla rete per propria (inconscia ed improvvida) scelta. Ben
diverso è tentare di ottenere informazioni su ciò che avviene in rete
usando delle tecniche di sniffing (analisi del traffico di rete). In questo
caso, nel momento stesso in cui si cerca di decrittare qualcosa che non è
diretto a noi, si vìola il diritto costituzionale alla riservatezza delle
comunicazioni (un fatto già riconosciuto da varie sentenze anche in
Italia). Di conseguenza, solo la Polizia Giudiziaria, su mandato del
Giudice, può fare una cosa del genere (ammesso che il software in suo
possesso riesca a decrittare il materiale in transito). Per questo motivo è
piuttosto curioso che il popolo del P2P continui ad usare le reti di
seconda generazione (che espongono gli IP in chiaro).

Fermo restando, ovviamente, che esistono cose ben più importanti ed
interessanti da condividere in rete che i file protetti da copyright. Come
ho già detto in un altro messaggio, è perfettamente legittimo registrarsi
la musica (digitale) dalle radio di internet, ad esempio, per cui non c'è
un vero motivo per violare la legge solo per procurarsi simili banalità. Un
discorso analogo vale per i film. Basta aspettare che passino in TV.

CU
-----------------------------------
Alessandro Bottoni
JayBee
2005-10-02 20:32:34 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Articolo del CP o del CPP, che io non lo conosco?
Istigazione a delinquere, se non hai un codice sotto mano, scaricatene
uno col mulo, almeno ti fai una cultura ed eviti di fare l'ennesima
figura di palta.
--
Saluti
jb
02/10/05 22.28.11
Marc Serafino
2005-10-02 20:49:46 UTC
Permalink
Post by JayBee
Post by Marc Serafino
Post by SatanFango
2) Indurre un reato, facendo da esca, è a sual volta un reato. Di
fatto il server spia è nostro *complice*, anche se monitorato dalla
Polizia. Insomma, *è illegale* punire dopo aver istigato.
Articolo del CP o del CPP, che io non lo conosco?
Istigazione a delinquere, se non hai un codice sotto mano, scaricatene
uno col mulo, almeno ti fai una cultura ed eviti di fare l'ennesima
figura di palta.
Ma LOOOOOLLLLL, quindi chi svolge un onesto lavoro di indagine informatica
(o anche un pedinamento) compie il reato di istigazione a delinquere?

I cuor di leoncini che girano qui sono meglio delle barzellette quando uno
vuole farsi una risata.

Fossi il tuo maestro ti metterei nell'angolo, dietro la lavagna, il posto
piu' buio che c'e' :-)
JayBee
2005-10-02 21:23:02 UTC
Permalink
Post by Marc Serafino
Post by JayBee
Istigazione a delinquere, se non hai un codice sotto mano, scaricatene
uno col mulo, almeno ti fai una cultura ed eviti di fare l'ennesima
figura di palta.
Ma LOOOOOLLLLL, quindi chi svolge un onesto lavoro di indagine informatica
(o anche un pedinamento) compie il reato di istigazione a delinquere?
Se non sei autorizzato a farlo, commetti reato, non siamo nel far west
ciccio.
Post by Marc Serafino
I cuor di leoncini che girano qui sono meglio delle barzellette quando uno
vuole farsi una risata.
ridi ridi, poi quando ti sarai messo nei guai piangerai.
Post by Marc Serafino
Fossi il tuo maestro ti metterei nell'angolo, dietro la lavagna, il posto
piu' buio che c'e' :-)
Bimbo, se vuoi lezioni di diritto penale da me, devi prima finire il tuo
cursus honorum, che a quanto pare è fermo all'asilo infantile. Ne
riparliamo tra qualche lustro.
--
Saluti
jb
02/10/05 23.18.39
Marc Serafino
2005-10-03 12:24:14 UTC
Permalink
Post by JayBee
Post by Marc Serafino
Fossi il tuo maestro ti metterei nell'angolo, dietro la lavagna, il posto
piu' buio che c'e' :-)
Bimbo, se vuoi lezioni di diritto penale da me, devi prima finire il tuo
cursus honorum, che a quanto pare è fermo all'asilo infantile. Ne
riparliamo tra qualche lustro.
Si' si' certo, e' evidente dal tuo recente post. :-)
JayBee
2005-10-03 13:18:03 UTC
Permalink
Si' si' certo[...]
Ecco, adesso vai che la ricreazione è finita.
--
Saluti
jb
03/10/05 15.17.07
Sci
2005-10-05 11:02:18 UTC
Permalink
Post by SatanFango
Da: http://www.emuleitalia.net/fora/index.php?showtopic=11411
Al momento il link in oggetto risulta indisponibile. Qualcuno potrebbe
segnalare un link "di riserva"?
Grazie.
Continua a leggere su narkive:
Loading...